ADSIC

Associazione Culturale Due Sicilie – Sede di Milano

Archivio del 2007

Annali Civili anno 1854

Ministero dell’Interno Regno Delle Due Sicilie 1854

***

Parte Prima

CRONACA UFFIZIALE APRILE 1854

pagine 1, 2, 3 (altro…)

  • Commenti disabilitati su Annali Civili anno 1854
  • Archiviato in: Storia
  • Adsic.it si rinnova!

    vecchio_adsic.JPGCarissimi Soci, Simpatizzanti e visitatori tutti,

    il nostro sito, dopo oltre cinque anni di attiva presenza in rete, cambia look.

    Il successo confermatoci da decine e decine di migliaia di visitatori all’anno, sempre in continua crescita, ed anche dalla moltiplicazione in rete di siti dedicati al recupero della memoria storica del Sud ci spronano ad andare avanti con sempre maggior entusiasmo.

    Come noterete sono state modificate insieme con la grafica anche le categorie degli argomenti, mentre alcune altre sono state eliminate perchè ritenute dal nostro pubblico poco interessanti; la sezione della sala di lettura sarà aperta a tutti i visitatori e non più riservata ai soli Soci.

    Dovrete pazientare ancora qualche giorno per i nuovi affinamenti di codice e per il completamento di alcune sezioni, ma già da oggi potrete godere di strumenti di navigazione più efficienti e soprattutto avrete la possibilità di commentare gli articoli pubblicati.

    Siamo certi che con questo rinnovamento aumentaremo ancor di più la nostra rintracciabilità su internet, che possiamo considerare già oggi come strumento compiuto della Democrazia nel Mondo, e che ci ha consentito e ci consentirà di conseguire lo scopo fondamentale della nostra Associazione.

    Un grazie di cuore a tutti Voi per la stima che ci avete riservato in tutti questi anni ed in particolare a tutti quegli scrittori che con i loro lavori hanno reso possibile tutto questo.

    Cordiali saluti,

    Il Consiglio Ditrettivo di ADSIC

  • 1 Commento
  • Archiviato in: In Primo Piano
  • (Prof.Ing. Sergio Della Valle)

     

    L’emissione di Napoli

     

    franco1.jpg franco2.jpg

    franco3.jpg franco4.jpg

    franco5.jpg franco6.jpg

    franco7.jpg

     

    (altro…)

  • 3 Commenti
  • Archiviato in: Meraviglie
  • Le monete delle Due Sicilie

    All’avvento di Carlo di Borbone al trono di Napoli, nel 1734, l’unità monetaria di base era il ducato, che si divideva in 10 carlini; il carlino era composto da 10 grani, ognuno dei quali valeva 12 cavalli. Il ducato esisteva anche come moneta d’oro, anche se non veniva più coniato dal 1649. Dal 1734 al 1860, anche durante il periodo francese, le zecche reali di Napoli e Palermo coniarono un elevatissimo numero di monete, tanto in oro, quanto in argento e rame, fornendo ampia prova della valentia artistica degli incisori del Regno, e delle avanzate tecniche di battuta utilizzate; molte delle monete di questo periodo costituiscono infatti ancora oggi dei validi esempi di raffinatezza di disegno ed eleganza formale. Nel seguito, per ciascun sovrano del periodo borbonico, si riportano le principali informazioni sulla sua monetazione, ed alcuni significativi esempi delle monete coniate durante il suo regno. (altro…)

  • Commenti disabilitati su Le monete delle Due Sicilie
  • Archiviato in: Meraviglie
  • Maria Sophia Von Wittelsbach

    regina_maria_sofia.jpg

    (Die letzte Königin Beider Sizilien)

     

    Von Sergio della Valle

    ( Übersetzt aus dem Italienischen von Romy
    Bidassek.)

    Am 3. Februar 1859 erreicht das Schiff il Fulminante den Hafen von Bari. Mit ihren nur siebzehn Jahren geht Maria Sophie von Wittelsbacht, jüngere Schwester der Kaiserin Elisabeth „Sissi“ von Österreich an Land um ihren Ehemann ein erstes Mal zu sehen. Sie war zuvor, unter dem Mandat von München mit Francesco, Sohn von Ferdinand II und zukünftiger König des Reichs, verheiratet worden. Dies ist der Beginn des kurzen „neapolitanischen“ Abenteuers einer liebenswerten, verständigen und gebildeten bayrischen Herzogin, welche schon drei Monate nach ihrer Ankunft den Pflichten einer Königin nachgehen wird. (altro…)

    Maria Sophia of Wittelsbach

    regina_maria_sofia.jpg

    (The last Queen of the two Sicilies )

    by Sergio della Valle

    ( Translation from italian version by Romy Bidassek)

    In February 3, 1859 Maria Sophia of Wittelsbach, sister of the Empress Elisabeth “Sissi” of Austria was only seventeen years old. That was the day when the ship il Fulminante brought her to the port of Bari. As she had has been wedded under the mandate of Munich, she arrived to meet her husband Francis, son of Ferdinand II and crown prince of the kingdom for the first time. This is the start of the short “Neapolitan” adventure of a lovely, intelligent, and educated Bavarian duchess which, only three months after her arrival at the kingdom of Naples, had to take on the position of the “last Queen”. (altro…)

    Libri

    May-C Publishing

    Selected Title

    Con questa ricerca storica “Perché Briganti?, gli autori descrivono il fenomeno del brigantaggio in Italia prima dell’Unità e partendo dai periodi più remoti, con particolare riferimento alla Calabria, distinguendo quello ordinario, costituito da organizzazioni malavitose dedite alla grassazione, perpetrate nelle campagne o sulle montagne, ma che più spesso agiva lungo le vie di comunicazione tra i centri abitati ai danni di inermi viandanti, da quelli derivanti da insofferenze sociali e passati per bassi fenomeni di banditismo come è il caso di quello di recente memoria post unitaria e definito dalla letteratura italiana come un “…..ampio fenomeno misto di banditismo e di ribellione politico sociale nelle campagne del Mezzogiorno, dopo l’unificazione italiana che, con l’imposizione di misure amministrative e fiscali di particolare durezza, ivi comprese la completa abolizione dei secolari usi comuni delle terre a tutto vantaggio del latifondo, di grandi dimensioni ma solitamente mal coltivato ed adibito a colture estensive, che diede esca alla propaganda filoborbonica e clericale, ostile al nuovo stato liberale e a sua volta incapace di una politica che non fosse di pura repressione.

    Acquista il libro su:

    “Fra tutte queste regioni, la matrice della nuova Italia fu il Piemonte, situato a nord ovest, con Torino come capitale. Più a oriente, era la grande città di Milano, che doveva diventare il centro finanziario, commerciale e artistico del nuovo regno. La sua popolazione era attiva e dotata di senso pratico. Il sud assolato e la Sicilia formavano una regione a parte, e ciò sia per ragioni storiche e climatiche che per il carattere dei suoi abitanti. Questa differenza tra nord e sud era radicale. Un contadino della Calabria aveva ben poco in comune con un piemontese, mentre Torino era infinitamente più simile a Parigi e Londra che a Napoli e Palermo; e ciò in quanto queste due metà del paese si trovavano a due livelli assai diversi di civiltà. I Borbone, erano stati tenaci sostenitori di un sistema feudale colorito superficialmente dallo sfarzo di una società cortigiana e corrotta. Avevano terrore della diffusione delle idee”. Questa è la pagina iniziale della Storia d’Italia dello storico inglese Mack Smith ed è la storia che si impara a scuola: si può definire la storia ufficiale. Io credo che la Storia non sia quella impersonata da marionette come Vittorio Emanuele, Garibaldi, Cavour, Gladstone e raccontata da pennivendoli come Denis Mack Smith. Ho provato a ricostruire gli avvenimenti e ad arrivare, a differenza dello storico inglese e a differenza di tutti gli storici ufficiali, a conclusioni vere o più vicine alla verità.

    Acquista il libro su:


    Il presente lavoro deve le sue origini al suggerimento dell’amico Domenico Iannantuoni che mi ha sollecitato a ricordare il ruolo a cui è chiamato il Mezzogiorno italiano nel processo di integrazione europea e nello sviluppo dell’Italia nel contesto globale in cui viviamo2.Un lavoro contro lo stato attuale di maggior povertà alimentato da una politica ascara e orientata a voler continuare a mantenere tale condizione di differenza all’intero del Paese, quando addirittura incapace di porre rimedio.
    L’idea, quindi, di un libro che pensi al Sud parlando dell’Unione Europea intesa come unione di persone, racconti del percorso comunitario che, dagli interessi degli Stati/Nazione, si muove verso quelli che arrivano direttamente a coloro che sono i portatori dei bisogni specifici dell’agire umano, ai bisogni di prossimità: in pratica, alle persone.
    Tale percorso,che ci fa porre al centro dell’attenzione il “ben- essere” dell’uomo, nasce dalla lotta per la democrazia, di cui le grandi rivoluzioni sono state le interpreti e le fautrici, e si sviluppa nella costruzione della capacità di vivere in democrazia, per arrivare a concepire in maniera compiuta quest’ultima come forma di vita sociale.

    Acquista il libro su:

    Con questo libro è la prima volta che viene proposta un’antologia della storia del risorgimento in chiave marcatamente antirisorgimentale. Se ne fa promotore e compilatore Antonio Nicoletta mettendo insieme alcuni saggi, articoli di giornale e lettere inviate a vari quotidiani su argomenti tutti relativi ai contraccolpi che ebbe il Mezzogiorno d’Italia durante e dopo l’unificazione nazionale. Autori Filippo Chiappisi, Mario Montalto, Maurizio di Giovine, Glauco Reale, Antonio Pagano, Lorenzo Terzi, Mario Perfetti, Riccardo Scarpa e lo stesso Antonio Nicoletta.

    Acquista il libro su:

    Questo volume descrive in modo dettagliato una importante e sconosciuta opera di ingegneria, il ponte sospeso Real Ferdinando sul Garigliano, del Regno delle Due Sicilie realizzata nel 1832. Primo ponte sospeso realizzato con catenarie in ferro d’Italia. Costruito ben 29 anni prima dell’unificazione della penisola italiana, il ponte Real Ferdinando è una delle testimonianze più tangibili dell’alto grado di sviluppo del Sud Italia antecedente alla sanguinosa guerra di annessione ad opera del Piemonte. Attraverso la descrizione di quest’opera, l’autore propone una nuova visione delle dinamiche politiche ed industriali che hanno marcato lo sviluppo del sistema economico italiano dall’unità ad oggi. Dimostra inoltre che l’attuale divario di ricchezza tra Nord e Sud d’Italia, voluto e programmato da un’inadatta “casta” politica ed industriale orientata esclusivamente allo sviluppo del Nord Italia, è la ragione primaria dell’inarrestabile declino complessivo del Paese.

    Acquista il libro su:

    Per maggiori informazioni visita il sito: www.ilmeravigliosopontesulgarigliano.com.

    Privacy Policy