Quando un Pittore interpreta un Poeta non sempre riesce a restituire la stessa immagine evocata dalle parole, in questo caso però credo che il Maestro Cuono Gaglione abbia veramente superato se stesso.

D’altro canto la poesia ” Nelle mani di Dio ” di Marina Salvadore è qualcosa di più. Essa travalica le pure questioni della metrica e delle emozioni che rispondono alle parole. La commozione che deriva dalla lettura, è vero, porta facilmente ad inumidire gli occhi ma ancora non basta. C’è qualcosa di più. Dentro questa poesia e questo dipinto c’è la “Preghiera” di tutti gli emigranti.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale Due Sicilie sede di Milano che si pregia di poter pubblicare in anteprima queste due opere abbinate si congratula con gli autori e comunica ufficialmente il più ampio sostegno possibile, nei limiti previsti dallo Statuto, in occasione della programmata mostra in Bruxelles e per la realizzazione della prevista monografia.

 

Dint’e mmane ‘e Ddio!

Dint’e mmane ‘e Ddio!

S’arrefresca tutt’assieme ll’aria
‘o cielo ’ncupisce e schiòppeta
pe’ tramente a pelo d’acqua volano
‘e gabbiane dint’à cuntrora
‘e ‘st’ora afflitta e scunsulata
mò, primma ca ‘o bastimento
carico ‘e nuje se nne parte.

E’ n’aria ‘e tempesta
s’àiza e se ne cala ll’onda
pure dint’’a capa mia
e me schioppa sotto ‘e piedi
scrucchianno e sparenno
‘a terra d’a Terra mija.

Nun voglio partì
famme murì, Signore
mò, dint’à ‘stu mumento
ancora cu ll’uocchie chieni
‘e strade ‘e Napule e de ggente

Famme affundà ‘stu legno
e ‘sti emigranti
‘sta carne ‘e cannone
ch’adda passà pe’ sette mari
pe’ se ne ì a spognà ll’osse
addò nun ce stà casa, patria, onore.

Famme murì napulitano
mò, e non appresso ‘o cunfino
comme ‘nu randagio sulitario,
muorto all’erta, surdo e muto.

Signò, te bennedico,
famme scuppià ‘ o core
spezzame ‘e gambe
jettame sotto ‘o scoglio
‘e sta città. Cà, famme ‘na tomba!

S’arape dint’à ‘nu nuvolone niro niro
‘nu fuoco ‘e sole, ‘nu sprazzo ‘e fuoco
e accummuoglia dint’à ‘nu lampo
‘stu bastimento cu tutta ‘a ggente dinto

‘Na varca cchiù grossa e cchiù potente
aìza pe’ sotto ‘o bastimento
e navega tra cielo e mare sospesa
sotto ‘na pioggia ‘e lacreme ‘e surpresa.

Sultanto mò m’accorgo ca ‘o Pateterno
‘a llà ‘n’goppa ha stiso ‘e mmane
congiunte à canestriello
comme quanno se prega dint’’e cchiese

‘Sti mmane unite ‘e Ddio
songhe addeventate ‘na varca
ca ce tene assieme tutte quante
e ca vola p’e sette mari. Ce accumpagna!

Sulo mò aggio capito
‘a nuje emigrante
‘nc’è rimasto sulo Dio.
Stammo ‘n’mmano ‘o Signore
Sulo isso à stiso ‘e mmane
sul’isso senza lenti ce vede ancora
uommene, comme fujèmo e simme!

Volano ‘e mmane ‘e Ddio
unite à canestriello
e all’urdema virata
primma d’’o mare aperto
spàndeno pe’ tutta Napule
lacreme d’emigrante!


Marina Salvadore